La migliore destinazione per i prodotti di alta qualità

Chiara Bardelli Nonino – i preferiti

10616682_10154591039445613_902932444574222391_n

10616682_10154591039445613_902932444574222391_nChiara Bardelli Nonino, nata a Udine, vive a Milano. Laureata in Filosofia con una tesi sulla Fotografia Post-Mortem, oggi continua a scrivere e a occuparsi di fotografia (non solo di gente morta: da alcuni anni è photo editor di Vogue Italia)

 

I miei libri preferiti

Collected_Works_01

Gordon Parks: Collected Works – Steidl, 2012

Che dire? I 5 volumi che raccolgono e ripercorrono l’opera di Gordon Parks, primo fotografo afro-americano di Life, sono una specie di miracolo. Parks è un fotografo totale, che riesce a spaziare dai photo essay a tema sociale (come quello violento e pessimista che racconta la vita di un gang leader di Harlem che l’ha introdotto al pubblico americano) alle fotografie di moda che esplodono di vita, leggerezza e colore con una maestria quasi sovrannaturale.

The_Adventures_Of_Guille_And_Belinda_Cover.jpg

The adventures of Guille and Belinda and The enigmatic meaning of their dreams; Alessandra Sanguinetti – Nazraeli Press, 2010

Questo è un libro che è entrato immediatamente nella mia lista dei preferiti di sempre.

Il lavoro di Alessandra Sanguinetti riesce a essere cosí semplice e diretto e allo stesso tempo simbolico, enigmatico e inquietante. Le protagoniste sono due cugine argentine, seguite negli anni  di passaggio dall’infanzia all’adolescenza, con tutta l’ambiguità, la tensione e l’evasione dalla realtà che questo periodo comporta.

Various_Small_Books_01

Various Small Books – The MIT Press, 2013

Ed Ruscha negli anni ’60-’70 ha prodotto tutta una serie di piccoli photobook autopubblicati dai titoli squisitamente autoesplicativi come Twentysx Gas Station o Various Small Fires. Questo libro, che raccoglie 91 “small books” ispirati da Ruscha prodotti in giro per il mondo oltre a una selezione degli small books originari, è semplicemente una gioia da sfogliare: ironico, prosaico, curioso, bizzarro.

When_I_Was_Six_Cover

When I was Six; Phil Toledano – Dewi Lewis 2015

Utilizzare still life apparentemente impersonali e clinici per raccontare storie emotivamente cariche è diventato ultimamente quasi un clichè fotografico. Toledano riesce a dare a questo linguaggio un po’ abusato una nuova freschezza. Dopo la morte di entrambi i genitori il fotografo ritrova una scatola gelosamente e segretamente conservata dalla madre per 40 anni: dentro, gli effetti personali della sorella morta quando Toledano aveva 6 anni. Nel libro disegnato da Teun van der Heijden oggetti mondani come una ciocca di capelli o un vestitino si alternano a paesaggi siderali che richiamano l’ossessione sviluppata in quel periodo da Phil per superare il trauma subito. L’effetto è straniante, delicato e commovente.

An_American_Index_III_Edizione_Cover

An American Index of the Hidden and the Unfamiliar; Taryn Simon – Hatje Cantz 

Ormai giunto alla 3a edizione, An American Index è un classicone che TUTTI dovrebbero avere. Le 60 foto grande formato e i relativi testi raccolti nel libro sono la quintessenza dell’estetica della Simon: il nascosto, l’invisibile, l’assente, l’inaccessibile, l’impossibile e il proibito sono tutti presenti in questo straordinario librone rilegato che, assieme a Contraband, continua a costituire una delle più potenti influenze nella fotografia artistica e documentaria contemporanea.

0 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*