La migliore destinazione per i prodotti di alta qualità

The eyes can see what the mouth can not say – Jacopo Benassi (firmato)

The eyes can see what the mouth can not say – Jacopo Benassi (firmato)
  • 8
  • page16image368
  • prima
  • Schermata-2017-04-13-alle-09.36.21
  • terza

 29,00

Peperoni Books, 2017
Copertina rigida, 17 x 23 cm
112 pagine, fotografie b/n
Lingua italiana e inglese

Edizione limitata di 500 copie

firmato dall’autore!

Disponibile

Il Btomic era un locale iconico di 70 metri quadri a La Spezia, aperto nel 2011 e chiuso nel 2015 per problemi economici. Era gestito da un gruppo di amici, Gianluca Petriccione, Lorenzo D’Anteo, Roberto Buratta e Jacopo Benassi; tra i musicisti che si sono esibiti al Btomic, Teho Tehardo, Jozef van Wissem, Chris Imler, Julia Kent , Mary Ocher, Lydia Lunch, F.M Palumbo, Embryo, Lori Goldston, Hugo Race, Tav Falco, Carla Bozulich, Andrea Belfi, Lubomyr Melnyk, Ernesto Tommasini, Matt Eliot, Z’EV, Sir Richard Bishop, Six Organs Admittance, Emidio Clementi, Khan, Mangiacassette, Baby Dee, Eugene Chadbourne e molti altri…

THE EYES CAN SEE WHAT THE MOUTH CAN NOT SAY

Le fotografie sono state scattate in occasione dei concerti ma nelle immagini i musicisti non compaiono mai. (In questo, è un lavoro decisamente diverso dall’omonima rivista pubblicata da Benassi negli anni in cui il Btomic era aperto) Si vedono solo persone che guardano. I latini dicevano contemplatio – il prefisso con indicava una connessione, il termine templum denotava un’area circoscritta.

Nelle immagini di Benassi vi è una forte connessione tra le persone e l’area è ben definita. Vi è una geografia composta da muri scrostati, immagini dentro le immagini, segni sul muro, dettagli dell’arredamento, strumenti, simboli. Le persone che abitano questa geografia guardano e ascoltano. Un ragazzo con una maglietta degli Sonic Youth ascolta in piedi, accanto a una donna con un semplicissimo vestito a fiori. Se la relazione tra luogo e identità è uno dei temi fondamentali della geografia mi chiedo: cos’hanno in comune? Mi piace il loro modo di stare vicini.
Questo lavoro descrive un paesaggio sonoro.

E’ opera di Jacopo Benassi, fotografo di paesaggio.

Ulteriori informazioni

Peso 3 kg

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “The eyes can see what the mouth can not say – Jacopo Benassi (firmato)”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Bisogno d'aiuto? Contattaci Lascia un feedback

,

Tags: , .