fbpx

Caricamento Eventi

< Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

Fulvia Bernacca presenta: SERENO. Con Chiara Rizzica.

13 Dicembre 2023 @ 18:30 - 20:00

13 Dicembre 2023 @ 18:30 20:00

– Colonnello, quel 5 settembre, per lei, 
fu col sole o con la pioggia?
– Sereno, 
come fu il 7 gennaio 1968, quando cominciai. 
Un’alba e un tramonto di sole. 
È meteorologicamente logico.

Paolo Mosca, intervista a Edmondo Bernacca

mercoledì 13 dicembre alle 18.30 Fulvia Bernacca sarà da Micamera per presentare il suo nuovo libro Sereno, appena uscito per Forward Edizioni. In conversazione con Chiara Rizzica, componente del comitato redazionale della casa editrice.

Introduzione dell’editore Diego Emanuele.

A seguire, firmacopie. Prenota la tua copia firmata qui

Sereno è un viaggio tra le nuvole e nel tempo, un racconto visivo e poetico sulla figura del colonnello del meteo Edmondo Bernacca. Per gli italiani Bernacca era un’istituzione, tanto da essere diventato oggi un modo di dire. È stato un meteorologo, generale dell’Aeronautica Militare e giornalista. Ha avuto la fortuna di essere stato il primo meteorologo apparso in televisione in Italia nel 1955. Dagli anni ‘60 agli anni ‘80 tutte le sere, migliaia di famiglie di italiani attendevano le sue previsioni, per sapere che tempo avrebbe fatto l’indomani. Per i telespettatori era un appuntamento fisso, tanto da considerare il Colonnello Bernacca come uno di famiglia. Per me Edmondo Bernacca, è sempre stato Nonno Mondo: non solo mio nonno, ma una sorta di mago, un indovino, un uomo misterioso con le orecchie grandissime e la testa piena di nuvole.

Aveva un meraviglioso e magico potere: riusciva non solo a essere, ma anche a parlare da dentro quella strana scatola chiamata televisione e stare seduto accanto a me allo stesso tempo. Per me era un’incredibile magia. Morto nel 1993, che ero ancora una bambina, mi sono ritrovata ad alzare lo sguardo per ritrovarlo, a osservare il cielo, a cercarlo tra le nuvole, e da grande, ad aprire cassetti e archivi, per scoprire la sua vita e la sua passione. Il progetto è iniziato quando, immergendomi nel suo archivio, ho trovato la sua lettera di commiato, in cui ripercorre l’ultimo viaggio dagli studi della Rai a casa, e insieme le tappe fondamentali della sua vita privata e professionale.

Le sue parole così, sono diventate la traccia del mio progetto, in cui lavorando sulla memoria, personale e collettiva, attraverso ricordi e immaginazione, unendo fotografie e nuvole, ho costruito con lui una nuova connessione. Un viaggio, attraverso leggere e intime visioni, nella storia della mia famiglia e in qualche modo di tutte le famiglie italiane che per anni hanno accolto mio nonno come uno di casa.


– Fulvia Bernacca