SCRAPBOOKS / Dans l’imaginaire des cinéastes – Matthieu Orléan

 54,00

Delpire & co, 2023
Copertina morbida, 23×27 cm
232 pagine, fotografie a colori e b/n
Lingua francese

Disponibile su ordinazione

COD: VAR1009 Categorie: , Tag:

Lo scrapbook nasce dalla ricerca di significato: è un’arte povera, senza vincoli, che nasce da una pratica anglosassone che mescola l’album fotografico e il diario, e può raccogliere fotografie, disegni, francobolli, cartoline, ritagli di stampa o biglietti d’invito. Le molteplici possibilità creative sono state utilizzate per comporre nuovi universi, come nel caso dei cineasti d’avanguardia della seconda metà del ventesimo secolo quali Derek Jarman, Agnès Varda, Chris Marker, o più recentemente Pedro Costa e Bertrand Mandico.

Questo libro presenta alcuni degli album più belli di cineasti, che sono anche fotografi, poeti o artisti. Offre un viaggio verso l’origine della creazione dei loro film, dando accesso a documenti privati, rivelando l’intimità al centro del processo creativo. Il libro si concentra su artisti con una pratica radicale, spingendo i confini dell’auto-fiction al massimo, che oggi è esteso da pratiche come Instagram, di cui lo album è forse l’antenato sconosciuto. Per Matthieu Orléan, se i film costituiscono un cinema presente, lo scrapbook è sia il loro passato -il luogo della loro invenzione e il loro schizzo- e il loro futuro -il loro archivio. Un collegamento, a volte mancante, ma fondamentale per comprendere la circolazione, la sopravvivenza e l’apoteosi delle immagini contemporanee.

VAR1009
Peso 2 kg
ISBN

9791095821618

Ti potrebbe interessare…